Cassonetti in centro storico

funeraleDi fronte alla decisione da parte dell’assessore Folli di reintrodurre i cassonetti differenziati in Centro ed Oltretorrente si rimane davvero senza parole non certo per la scelta in sé ma per le modalità con cui è maturata.

A marzo di quest’anno, dopo lungo e tormentato iter, siamo riusciti a discutere in Consiglio comunale  la proposta di 6.500 cittadini che chiedevano di valutare la possibilità di integrare la raccolta porta a porta con cassonetti differenziati intelligenti. In quell’occasione la maggioranza era stata granitica: i cassonetti sono il male assoluto, non funzionano, sono un passo indietro.

A poco sono serviti i ragionamenti, gli esempi, le valutazioni; la volontà dell’amministrazione comunale era di ignorare una richiesta di buon senso fatta da un così alto numero di cittadini. Poi improvvisamente, come un fulmine a ciel sereno, arriva ieri la decisione di introdurre le “Mini ecostation”.

Non si tratta certo di quello che chiedevamo noi, se non altro per il fatto che non sappiamo quante ne verranno installate, dove e soprattutto considerato che questa iniziativa va a sovrapporsi ad altre come le Ecostation e gli Ecowagon rendendo tutto molto complicato, costoso e farraginoso.

Per altro vale la pena di sottolineare che questi ultimi, stando ai dati finalmente rilasciati dall’amministrazione, sono stati un fallimento: 22 vuotature al giorno di media nei primi sei mesi vuol dire una vuotatura all’ora con due mezzi che girano.

Però la decisione di ieri è un passo avanti ed è un passo che va oggettivamente nella direzione che chiedevamo noi. Semmai sono le modalità, a dir poco stravaganti, con cui si è arrivati a questo risultato che raccontano splendidamente l’incapacità di confrontarsi con i cittadini di questa amministrazione.

Avremmo potuto tutti fare una figura migliore se a marzo si fosse aperta una discussione seria su questa proposta, anche perché evidentemente era già in animo un cambio di rotta, visto che non credo che le Mini eco station si improvvisino dalla sera alla mattina.

Appare evidente dunque che il problema stava tutto nel fatto che a proporla era Roberto Ghiretti. Se è così lasciatemi dire che si tratta di un modo ben meschino di governare la città.

Comunque incassato un risultato mi permetto di buttare la palla avanti e di segnalare all’assessore che dopo il Centro e l’Oltretorrente altri quartieri meriterebbero simili attenzioni: penso ad esempio al Pablo, al San Leonardo e il Cittadella. Visto che la sperimentazione è di fatto partita perché non ci sediamo intorno a un tavolo e valutiamo zona per zona le criticità?

Io ci sono e sono disponibile a lavorare con questa amministrazione per portare a casa un risultato importante per la città; sono disponibile anche a travestirmi da fan di Pizzarotti se questo portasse un beneficio a Parma. Se questo è il problema basta che me lo facciate sapere.

 

Roberto Ghiretti

Stampa questo artico

Condividi sulle tue pagine... facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Per continuare a navigare in questo sito devi accettare le condizioni sull'uso dei cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione e in alcuni casi per conservare dati come la tua e-mail se decidi di contattarci od iscriverti alla mailing list. Cliccando accetti o proseguendo nella navigazione accetterai l'utilizzo dei cookie.

Chiudi